L'Ater ha un nuovo direttore, Lucio Di Timoteo

TERAMO – E’ l’architetto Lucio Di Timoteo il nuovo direttore dell’Ater di Teramo. Di Timoteo lascia quindi il suo incarico in Comune, dove ha ricoperto il ruolo di dirigente del settore Ambiente ed Edilizia, per intraprendere una nuova attività. “Il suo curriculum vitae – spiega il presidente dell’Ater Marco Pierangeli – è stato scelto tra altre 12 proposte che ci sono pervenute. Confido nella sua esperienza e nella sua grande professionalità per portare avanti i tanti progetti che l’Ater ha intenzione di realizzare sul territorio”. Di Timoteo prende il posto di Giuseppe Scarlattei, che è prossimo alla pensione. “Ringrazio molto Scarlattei – ha aggiunto Pierangeli – per il suo impegno e per essermi stato sempre vicino dimostrando un  grande interesse verso le problematiche esposte dagli inquilini”. E tra i progetti che l’Ater intende portare avanti ce n’è uno che potrebbe cambiare il volto del quartiere di Colleatterrato. Si tratta di un piano di recupero da ben 8 milioni di euro, che potrebbero essere co-finanziati dalla Regione attraverso un bando pubblico, per circa 2 milioni e mezzo di euro. In sostanza l’idea dell’Ater è quella di abbattere le due palazzine di sua proprietà, per  un totale di 36 appartamenti, e di ricostruirle in una zona limitrofa su un terreno del Comune. Oltre alla costruzione delle palazzine, la proposta dell’Ater, che potrebbe essere inserita anche all’interno dei Pisu, prevede la realizzazione della nuova farmacia comunale, la nascita di un asilo nido e spazi dedicati ad attività commerciali. C’è poi tutta l’attività “ordinaria” che l’Ater sta portando avanti, con il bando per l’assegnazione dei 12 appartamenti a canone concordato a Pineto che verrà pubblicato a novembre e i 32 nuovi appartamenti a Colletatterrato in via di costruzione che, assicura Pierangeli, verranno assegnati entro il 2011.

Leave a Comment