Campitelli: " A dicembre valuteremo eventuali ritocchi"

TERAMO- Il presidente del Teramo non ha dubbi la squadra teramana resta quella da battere. In una lunga inervista rialsciata prorpio sul sito biancorosso Campitelli ha detto fra le altre cose che “E’ una squadra ricostruita per la quasi totalità del suo organico. Nonostante ciò, penso che in linea di massima, abbiamo indovinato quasi tutti gli acquisti. Qualche piccola sfaccettatura, non perfettamente in linea con le previsioni, la stiamo vedendo ora ed il prosieguo ci dirà se abbiamo torto o ragione. A livello individuale il nostro organico non è inferiore a nessuno, così come anche la panchina è di alta qualità che altre squadre penso non abbiano. Alla nostra squadra manca un po’ di cattiveria (buona), come elemento di carattere in più per contribuire fortemente ad avere la meglio nei confronti degli avversari. La piazza di Teramo, rispetto ad altre, incute più timore ai giocatori per la tradizione e per l’ambizione. Se l’handicap verrà superato, come spero, potremmo diventare veramente la squadra da battere. Ad eccezione della gara di Santarcangelo, nelle altre abbiamo fatto bene sia quando abbiamo vinto che quando abbiamo pareggiato, anche senza convincere totalmente. Il nostro vero Campionato è iniziato al comunale di Piano D’Accio con la Santegidiese, perché è stato un confronto forte con una squadra forte. Il vero Teramo è nato il martedì successivo alla sconfitta in Romagna. Domenica scorsa è ripartito, o meglio è partito il Teramo che vogliamo tutti, forte, grintoso e quando mister Cifaldi avrà trovato l’assetto definitivo sfiderà, ad armi pari, tutte le grandi. Per il momento, escludo ritocchi all’organico. A dicembre valuteremo eventuali novità da introdurre”.

Leave a Comment