La Perla, speranze ridotte al lumicino

TERAMO – Pochissimi o nessuno spiraglio nella crisi della Perla di Roseto: la proprietà ha confermato il piano che prevede la dismissione dello stabilimento di Roseto e la procedura di messa in mobilità di 76 dipendenti su 81. E’ il risultato dell’incontro di oggi pomeriggio in Provincia tra il direttore del gruppo, Emilio Manzotti, e il responsabile Italia dell’azienda, Giuseppe Toninelli, con i sindacati (Giovanni Timoteo ed Emanuela Loretone per la Cgil, Gianluca Di Girolamo ed Emidio Angelini per la Uil e Giampiero Daniele della Cisl), il presidente della Provincia, Catarra e gli assessori Guardiani e Vannucci. L’azienda ha apprezzato gli sforzi delle istituzioni e le soluzioni individuate per evitare la chiusura, i sindacati hanno stigmatizzato l’atteggiamento della proprietà di non tornare sui propri passi. Su proposta del’assessore regionale al Lavoro, Gatti, tuttavia, l’azienda si è detta disponibile a valutare un percorso di reindustrializzazione del sito di Roseto, anche con un eventuale impegno finanziario. Catarra ha sottolineato l’importanza di individuare  comunque un piano alternativo per il reimpiego delle maestranze.

Leave a Comment