Atr, le sue sorti in un incontro con il ministro Romani

TERAMO – Sul destino dell’Atr e sul rilancio del protocollo Vibrata-Tronto c’è stato un nuovo incontro oggi tra il presidente della Provincia, Valter Catarra, l’assessore alle Attività produttive, Ezio Vannucci, e il vicepresidente della Regione, Alfredo Castiglione. Il primo dicembre una riunione in Regione anche con le parti sociali per mettere a punto l’agenda poi il 9 dicembre, a Roma, una riunione preliminare con il direttore generale delle Politiche Industriali del Ministero dello Sviluppo, Andrea Bianchi, e subito dopo un incontro con il Ministro Paolo Romani, in occasione della riunione nazionale degli Assessori regionali alle attività produttive. E’ questo quanto concordato al termine dell’incontro per fare il punto sul polo del carbonio ma anche sulle iniziative anti-crisi a sostegno del mondo produttivo teramano così come prefigurate dalla mozione approvata all’unanimità dal Consiglio provinciale e poi discusse al tavolo dell’Opes la settimana scorsa. Il primo dicembre, quindi, si torna in Regione da Castiglione per una riunione che dovrà fare il punto sull’Atr e sulle possibili iniziative che la parte pubblica può mettere in campo il salvataggio dell’azienda di Colonnella, leader nella lavorazione del carbonio. All’incontro saranno invitati anche il commissario straordinario dell’Atr, Gennaro Terracciano, i sindacati e naturalmente l’Assessore regionale al Lavoro. "La Provincia- ha dichiarato il presidente Catarra – sta seguendo un percorso molto coerente. Dopo aver realizzato, in questo anno, una serie di iniziative mirata a sostenere i lavoratori delle aziende in crisi, sia con gli ammortizzatori sociali che con l’anticipazione della cassa integrazione, ora mette sul piatto delle proposte che possono diventare la leva per intercettare i segnali di ripresa e costruire iniziative a fianco del mondo produttivo”.

Leave a Comment