Ospedale Val Vibrata, sul suo rilancio ottimismo per il 2011

TERAMO – La soluzione positiva della vicenda del Centro Helios per i disabili è solo l’ultimo dei risultati portati a casa dall’Unione dei Comuni della Val Vibrata e dal presidente Alberto Pompizi che ha voluto, a 5 mesi dall’inizio del suo mandato, approfittare degli auguri di buon anno per fare un primo bilancio. Per quel che riguarda le linee programmatiche, Pompizi ha gettato le basi per la costituzione di un tavolo di coordinamento per l’elaborazione di piano strategico volto a rilanciare il turismo mediante un sistema turistico locale. Della struttura sono stati chiamati a partecipare tutte le associazioni, le fondazioni e gli istituti che operano sul territorio vibratiano. Con l’inizio dell’anno il gruppo di lavoro dovrebbe essere reso operativo. Durante questi primi cinque mesi è stato predisposto, ed anche approvato dal Consiglio la modifica allo statuto per quel che riguarda le funzioni delegate dell’ente. L’elenco di autorizzazioni già in essere all’Unione è stato potenziato con le funzioni di polizia locale, l’organismo indipendente di valutazione, l’ufficio unico di disciplina, il consiglio tributario unico ed il comitato unico di garanzia per le pari opportunità la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni. “Si è cercato di gestire al meglio una difficile situazione economica tra Comuni, Unione e Poliservice – ha dichiarato ancora Pompizi – evitando disservizi e problematiche ancor più gravi nella convinzione che con il nuovo anno si possa porre rimedio a questo aspetto della delega in modo che il servizio costi meno e dia maggiori soddisfazione agli utenti”. Ottimista il sindaco di Sant’Omero per il 2011 circa una soluzione definitiva per il rilancio ed il potenziamento dell’ospedale Val Vibrata “anche grazie al cambio della guida in seno ai vertici della Asl, in particolare il manager Varrassi, che si è detto pronto a collaborare con i Sindaci della Val Vibrata per riportare in auge e alla massima efficienza questa struttura vitale per il territorio”.

Leave a Comment