Agricoltura, la Provincia attiva nuovi servizi per l'utenza

TERAMO – Meno burocrazia e servizi più vicini ai luoghi di residenza per gli agricoltori teramani grazie ad una intesa operativa tra Regione e Provincia di Teramo. Assistenza agli utenti nella compilazione, presentazione delle dichiarazioni annuali, e presentazione alla Provincia di Teramo delle richieste e del ritiro dei titoli per il prelevamento del carburante agevolato, collaborazione per la diffusione dei comunicati predisposti dal servizio Utenti Macchine Agricole (Uma) e per la fornitura della modulistica. Sono i servizi che, a partire da lunedì prossimo, verranno attivati a beneficio dell’utenza a seguito di un protocollo di intesa siglato oggi nella sede della Provincia di Teramo, tra gli assessori all’Agricoltura regionale e provinciale, Mauro Febbo ed Ezio Vannucci. "La logica di questo accordo – ha spiegato Febbo – è quella di rispondere con più tempestività alle esigenze di circa settemila coltivatori diretti, la maggior parte dei quali risiede in località decentrate rispetto al capoluogo, dove ha sede il servizio Uma. Alla luce di ciò, – ha proseguito – considerata la presenza, in diversi Comuni della provincia di Teramo, di uffici periferici dell’Ispettorato agrario regionale, si è pensato ad una sinergia con la Provincia per istituire dei punti di assistenza proprio in queste sedi decentrate per espletare diverse funzioni, tra cui quella della fornitura di carburante agevolato". A tal proposito, sono stati individuati gli uffici di Atri, Cologna Spiaggia, Nereto e Bisenti dove un dipendente provinciale, addetto al servizio, presterà servizio periodicamente, un giorno a settimana, per l’assistenza agli utenti nella compilazione delle domande e nelle altre pratiche amministrative. L’accordo ha natura sperimentale e avrà validità per l’anno in corso ma spiegherà i suoi effetti anche in quelli successivi. "L’auspicio – ha concluso l’assessore Febbo – è che questa intesa possa essere ripetuta anche nelle altre tre provincie dove le aspettative del mondo agricolo sono altrettanto forti".

Leave a Comment