Serie D: respinti tutti i reclami

TERAMO-Il giudice sportivo di serie D si è espresso in merito alle gare sui cui pendevano i reclami da parte delle società. Riguardo alla gara del 14 novembre 2010 Angri-Arzanese, ha deciso di rigettare il reclamo della società Arzanese rifacendosi alla decisione del 19 gennaio 2011 della Corte di Giustizia Federale, a Sezioni Unite, secondo la quale le squalifiche comminate a carico di un calciatore debbono essere scontate nella stessa competizione nella quale sono state inflitte, e di convalidare dunque il risultato di 3-2 in favore della squadra di casa.In merito alla partita Pisticci-Arzanese del 31 ottobre 2010, ha deciso di rigettare il reclamo della società Arzanese per le stesse motivazioni di cui sopra e di convalidare il risultato di 1-1. In merito all’incontro Renato Curi Angolana-Rimini del 7 novembre 2010, ha deciso di rigettare il reclamo della società Renato Curi A. per le stesse motivazioni di cui alla prima decisione e di convalidare il risultato di 0-1 in favore della squadra ospite. In merito alla gara Capriatese-Angri del 7 novembre 2010, ha deciso di rigettare il reclamo della Capriatese perché, per la prima parte, il giocatore Cascella non risulta esser mai stato tesserato come professionista dalla società Avellino 1912 ed è dunque inapplicabile il caso di specie della norma di cui all’art. 114, comma 1, delle Noif richiamata dalla reclamante, mentre, per la seconda parte, perché si richiama alla decisione della Corte di Giustizia Federale di cui sopra, e quindi di convalidare il risultato di 0-0. In merito alla partita Rimini-Miglianico del 14 novembre 2010, ha deciso di rigettare il reclamo del Miglianico per le stesse motivazioni sopra riportate e di convalidare il risultato di 2-0 in favore della squadra di casa. In merito all’incontro Rimini-Teramo del 21 novembre 2010, ha deciso di rigettare il reclamo del Teramo per le stesse motivazioni riportate nel primo dispositivo e di convalidare il risultato di 1-1.

Leave a Comment