Sul piano dei bus è Canzio contro Cavallari

TERAMO – «Il Partito democratico pensa in un modo a Teramo e vota all’opposto in Regione»: Roberto Canzio, vicecapogruppo consiliare della lista civica "Al centro per Teramo", attacca Giovanni Cavallari, capogruppo Pd, a proposito di tagli ai finanziamenti regionali per il trasporto urbano. «Dimentica ad arte che quel piano di riordino – scrive Canzio – è stato votato all’unanimità in Consiglio regionale, quindi anche dal centrosinistra». Sono quindi inutili le critiche alle scelte dell’assessore Giorgio Di Giovangiacomo operate nel piano di riorganizzazione del servizio di trasporto cittadino: «Si sta attivando per limitare al massimo i disagi con incontri con i gestori e il bando di gara per affidare il servizio a un gestore unico, da realizzare entro sei mesi salvo proroghe – aggiunge il consigliere comunale della lista civica di centrodestra -. Razionalizzando il serviziio si riuscirà a recuperare il taglio del 10% nonchè ulteriori chilometraggi. Se ciò non fosse sufficiente, l’amministrazione si impegnerà nel prossimo bilancio, a prevedere adeguate risorse per limitare gli effetti dei tagli: in quel caso sarà interessante verificare quale posizione avrà il Pd in Consiglio». Canzio non risparmi critiche a Cavallari quando «si avventura in considerazione personali sul peso, che dice pari a zero, della classe politica teramana di centrodestra in Regione: se tale valutazione avviene dopo due anni di governo, quale sarà stato il peso del centrosinistra teramano nei decenni in cui questo ha governato Regione, Provincia e Comune di Teramo? Usando lo stesso metro di valutazione del Pd, direi che il risultato di quella classe politica non è mai pervenuto!»

Leave a Comment