Servizi cimiteriali, il Comune "semplifica" le tariffe

TERAMO – Il Consiglio comunale di Teramo ha dato il via libera alla realizzazione del metanodotto, un nuovo impianto costruito per ampliare la capacità dei servizi a disposizione dell’utenza e che passerà nei pressi di Poggio Cono per una quindicina di chilometri. Una seduta ancora in corso di svolgimento e che non ha avuto particolari intoppi nell’approvazione di altri due provvedimenti importanti in materia di commercio e servizi cimiteriali. Nel primo caso l’assise ha dato il via libera a una semplificazione in materia di licenze per la somministrazione di alimenti e bevande. In recepimento di alcune direttive comunitarie indirizzate a una maggiore liberalizzazione del settore, il Comune ha abrogato il “contigente numerico” e la “zonizzazione”, parametri che prevedevano un numero limitato di licenze per aree cittadine ben definite. Con la nuova regolamentazione, il Comune elimina così i limiti geografici e numerici per la somministrazione degli alimenti e bevande fatta salva però l’osservanza di alcune regole che prevedono l’abbattimento delle barriere architettoniche, l’obbligo di produrre valutazioni previsionali di impatto acustico, e caratteristiche strutturali idonee alla manipolazione degli alimenti. Su proposta del consigliere comunale Roberto Canzio, novità sono in arrivo anche per i contributi sui servizi cimiteriali della Team. La convenzione vigente prevedeva infatti che il pagamento di tutti i servizi, anche quelli più semplici come la richiesta di una lampada votiva, fossero subordinati al calcolo del reddito emerso dalla certificazione del reddito Isee che doveva essere obbligatoriamente prodotta per non ottenere maggiorazioni sugli importi dovuti fino al 50%. Un richiesta “inopportuna” per Canzio e per l’intero Consiglio che ha votato l’approvazione di una modifica volta a introdurre una tariffa di base per tutti i servizi erogati a titolo oneroso, ma con la possibilità di ottenere riduzioni sull’ammontare dovuto in caso di esibizione, in questo caso facoltativa, del modello Isee.

Leave a Comment