Tutti uniti nel tricolore d'Italia

TERAMO – E’ un calendario ricco di iniziative quello che si presenta ai teramani, del capoluogo e della provincia, in occasione dei festeggiamenti dei 150 anni dell’Unità d’Italia, con un ventaglio di interessanti manifestazioni."Tricolore A mezzanotte sono scattati i festeggiamenti con l’accensione del tricolore in piazza Martiri della Libertà. C’erano il sindaco Brucchi, il prefetto Soldà e il presidente della Provincia, Catarra e tanti teramani con il naso all’insù, verso la sede Team dove un tricolore di luci si è acceso allo scoccare del 17 marzo. Il verde, bianco e rosso accompagnano i teramani e le istituzioni nelle celebrazioni: da segnalare, sul tema del tricolore acceso, anche l’apprezzabile scelta dell’Istituto Zooprofilattico "G. Caporale" che ha vestito della bandiera italiana, con un gioco di luci, la facciata della storica sede di via Campo Boario (nella foto a sinistra). "l'IstitutoDicevamo delle iniziative, tante, dioggi. La nostra provincia può contare su un patrimonio importante in tema di Unità d’Italia: la fortezza di Civitella del Tronto, teatro attivo e protagonista delle ultime resistenze del regno borbonico e passo concreto sulla strada dell’Italia unita. Ed è proprio Civitella che può mostrare, in un allestimento che verrà inaugurato oggi alle 16 e che resterà aperto al pubblico fino al 30 ottobre, le armi che vennero usate nell’assedio all’ultima roccaforte borbonica nel 1861. Saranno il sindaco di Civitella, Gaetano Luca Ronchi, a tagliare il nastro della mostra "Civitella 1861. Ultimo atto per l’Unità d’Italia. Le armi nella scena dell’assedio", in Fortezza, curata da Piergiorgio Tiscar e Natale Cicconi su progetto e direzione di Hector Jacinto Cavone Felicioni.
A Teramo, in piazza Martiri della Libertà, suggestiva e solenne parata di autorità, con molti dei sindaci della provincia: alle 10 toccante alzabandiera e poi i discorsi del prefetto e del  sindaco Maurizio Brucchi; la Fanfara dei Bersaglieri in congedo di Teramo suonerà l’inno di Mameli."Alzabandiera E’ seguito l’aperitivo tricolore (ore 12) nella sede della Fratellanza Artigiana in via del Baluardo: è un’occasione importante perchè la Società di mutuo soccorso teramana celebra anch’essa i 150 anni dalla fondazione, festeggiati con una rassegna d’arte contemporanea (aperta il sabato dalle 16 alle 20). Nel corso dei festeggiamenti sarà possibile acquisire l’annullo filatelico con il bollo speciale di Poste Italiane, sempre in piazza Martiri della Libertà (dalle 10 alle 16). A Giulianova (ore 9.30), lungo corso Garibaldi si terrà una sfilata accompagnata dalla fanfara che raggiungerà piazza della Libertà dove ci saranno l’alzabandiera e il discorso del sindaco Francesco Mastromauro; lo storico Sandro Galantini parlerà del contributo giuliese all’unificazione e della visita che il Re Vittorio Emanuele II fece alla città di Giulianova, prima tra i centri abruzzesei a riceverlo. Il ricordo di tutta la cittadina andrà a Pietro Baiocchi, unico abruzzese a partecipare alla spedizione dei Mille di Garibaldi. La sfilata sarà arricchita e resa suggestiva dalla presenza dei volontari del Nucleo ambientale a cavallo con la caratteristica uniforme storica garibaldina. A Campli l’amministrazione comunale, in collaborazione don l’Istituto comprensivo di Campli e il Coro parrocchiale, hanno organizzato in piazza Vittorio Emanuele II (dalle ore 16) una lettura di poesie, dialoghi e racconti di episodi storici, accompagnata da cori patriottici e riorgimentali; alle 21, nella sala consiliare sarà proiettato un film ambientato in epoca risorgimentale. Sempre alle 16, Civitella del Tronto si raduna nei pressi della Fortezza per l’inaugurazione della mostra sulle armi. Atri darà ancora  più eunfasi ai festeggiamenti con un Consiglio comunale solenne (ore 16, Teatro Comunale). Nell’occasione, il professor Luigi Mastrangelo, docente di storia delle dottrine politiche all’Università di Teramo, e il professor Ezio Sciarra, ordinario di metodologia delle scienze sociali alla "D’Annunzio", terranno relazioni sul Risorgimento in Abruzzo. Seguirà nell’Auditorium Sant’Agostino (ore 18), un racconto musicale sul risorgimento abruzzese (testi della giornalista Antonella Formisani e consulenza storica  di Luigi Ponziani, direttore della Biblioteca provinciale Delfico di Teramo, con Sandra Buongrazio, mezzosoprano, e Anna Maria Ioannoni Fiore, al pianoforte).

Leave a Comment