La Consulta "boccia" la legge di riordino dell'Izs

TERAMO – La Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale di due articoli della legge della Regione Abruzzo 5 maggio 2010, n. 13 sul "Funzionamento dell’Istituto Zooprofilattico "G. Caporale" di Teramo. I giudici hanno accolto il ricorso presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri il quale nel giugno 2010 aveva
impugnato la legge, ritenendo che le norme in essa contenute e riguardanti i compiti, il finanziamento, la composizione e le funzioni degli organi dell’Istituto, fossero in contrasto con i principi fondamentali in materia di tutela della salute contenuti nella legislazione statale, violando il riparto di competenze stabilito dalla Costituzione. In particolare, la Corte ha ritenuto condivisibili i rilievi del Governo sul comma 4 dell’articolo 3 (laddove la legge
individua quale terzo componente del collegio dei revisori, un rappresentante del Ministero della salute in luogo del
rappresentante del Ministero dell’economia e delle finanze) e sul comma 2 dell’articolo 4 (nella parte in cui stabilisce che il Ministro della salute provveda ad individuare ulteriori modalità di finanziamento, per assicurare che l’Istituto possa assolvere ai compiti nazionali e internazionali, svolti per il Ministero e per le Regioni).

 

 

 

 

Leave a Comment