Sogesa, sulla Cigs sfuma l'accordo tra azienda e sindacati

TERAMO – Si è concluso con un mancato accordo l’incontro tenutosi oggi, in Provincia, tra la Sogesa e i sindacati sull’applicazione della cassa integrazione straordinaria ai dipendenti della società di Notaresco che si occupa di raccolta e smaltimento rifiuti. Dopo una lunga discussione, informa una nota, le posizioni delle parti sono infatti rimaste fortemente distanti e differenziate. I rappresentanti dell’azienda hanno dichiarato che, per quanto riguarda i dipendenti iscritti all’Inps nel terziario, procederà in ogni caso ad inoltrare apposita istanza per il riconoscimento della cassa integrazione in deroga. Per i sindacati sono mancati gli estremi per arrivare all’accordo “a causa delle motivazioni addotte dall’azienda” e si è ribadita “la necessità di un allargamento alla componente politica”. Richiesta accolta dal presidente della Provincia, Valter Catarra, che si è impegnato a convocare al più presto una riunione con i sindaci del comprensorio interessato. Per la Sogesa erano presenti il presidente del cda, Gabriele Di Pietro, assistito dal consulente del lavoro Roberto Dario Giordano e dal vice direttore di Confindustria Teramo, Luciano De Remigis. I sindacati erano invece rappresentati da Amedeo Marcattili (Cgil), Serafino Masci (Cisl) e dalla Rsu

 

Leave a Comment