Agricoltura, un'azienda teramana da Oscar

"Rurabilandia", la fattoria didattica e sociale di Atri, prima in Abruzzo, a erogare servizi a favore di minori e di giovani disabili è infatti la vincitrice del Premio Oscar Green Abruzzo 2011, l’ evento promosso da Coldiretti Giovani Impresa, finalizzato a ricompensare le giovani aziende agricole che hanno iniziato un percorso di innovazione, ricerca e diversificazione realizzando un progetto originale e scommettendo il proprio futuro su questi valori. Lo rende noto la Coldiretti Teramo evidenziando che Rurabilandia è stata premiata questa mattina a Pescara alla presenza dei vertici della Coldiretti regionale e provinciale e delle personalità istituzionali locali. L’azienda, puntualizza Coldiretti, è stata premiata per la sua capacità di interpretare le potenzialità del settore primario con progetti innovativi e rispettosi delle tradizioni e dell’identità del territorio. Le categorie di premi, complessivamente sei, sono state concepite per riconoscere maggiore prestigio a quelle attività che hanno consentito il raggiungimento di obiettivi fondamentali per le imprese dei giovani agricoltori, come la multifunzionalità e la capacità di diversificazione. “Rurabilandia – si legge nella nota di Coldiretti – rappresenta una realtà d’eccellenza che garantisce alle famiglie, ai bambini e ai ragazzi, non solo un’esperienza di tipo didattico, ma che include un aspetto fondamentale della sana crescita e corretta maturazione delle nuove generazioni, ovvero quello dell’integrazione sociale di persone svantaggiate. Attraverso il loro inserimento nel mondo agricolo e dunque a stretto contatto con la natura si offre loro la possibilità di esprimere al meglio la propria sensibilità”. Rurabilandia è una fattoria a disposizione di scuole, istituzioni, associazioni e famiglie, ma è soprattutto un luogo dove i giovani con disabilità fisica o psichica partecipano ai laboratori in agricoltura, collaborando con gli operatori, interagendo con gli ospiti e affrontando un percorso di formazione e di inserimento lavorativo.

Leave a Comment