Semaforo di Fiumicino, un vertice con l'Anas per riattivarlo

TERAMO – Un nuovo incontro del tavolo permanente composto da Comune e Anas si è tenuto stamane per risolvere iI problemi causati dal semaforo spento di Fiumicino (nei pressi del Mythos a San Nicolò). Al termine di un sopralluogo si è deciso di riattivare, a breve, l’impianto; i tempi per la sua riaccensione sono legati al ripristino delle strutture e delle strumentazioni elettriche. Contestualmente, è stata affrontata la questione della realizzazione di una rotonda. Gli enti interessati, Comune, Provincia e Anas (che hanno tutti un tratto stradale di pertinenza che confluisce a Fiumicino) hanno raggiunto una intesa e il progetto verrà presto presentato in Consiglio Comunale. L’occasione è stata utile anche per parlare anche del completamento del secondo tratto del Lotto Zero. L’affidamento dei lavori è previsto a luglio mentre l’avvio dei lavori partirà a settembre. Durante l’incontro l’Anas ha rinnovato l’impegno ad intervenire sui ponticelli attualmente non fruibili a causa dei lavori per il Lotto Zero; entro settembre, partiranno i lavori sui tratti di strade secondarie che interferiscono con il Lotto Zero. All’incontro odierno hanno preso parte per il Comune di Teramo, il sindaco Maurizio Brucchi, l’assessore ai Lavori Pubblici Giorgio Di Giovangiacomo e il comandante della Polizia Municipale, Lino Angeletti; per l’Anas, il capo dipartimento Abruzzo, Lelio Russo e per la Provincia l’assessore ai Lavori Pubblici, Elicio Romandini. “L’intesa di oggi – ha dichiarato il sindaco – permette di dar seguito all’impegno da me preso subito dopo il verificarsi dell’ennesimo recente incidente stradale nei pressi del semaforo di Fiumicino; allora annunciai la riaccensione dell’impianto semaforico ed ora posso dire che, apportati i necessari interventi tecnici, la cosa è fatta. Ancora una volta, si conferma che la straordinaria efficacia del rapporto tra Comune e Anas, ormai consolidato proprio grazie al Tavolo Permanente che permette di risolvere le problematiche, ogni volta che vengono affrontate”.

 

Leave a Comment