Politiche giovanili, accordo per 916 mila euro

TERAMO – La Giunta Regionale ha dato il via libera alla delibera con la quale si approva lo schema di accordo, fra la Regione Abruzzo e il Ministero della Gioventù, per la programmazione della quota 2010 del Fondo per le
Politiche Giovanili che ammonta a 916 mila euro.
La Regione Abruzzo apporta il proprio cofinanziamento del 30%, pari a 392 mila euro. Quattro le aree di intervento finanziate. Il primo progetto riguarda la promozione della conoscenza e il recupero tra i giovani abruzzesi degli antichi mestieri legati alla tradizione, il secondo vuole promuovere la realizzazione della creatività e del talento giovanile nei diversi ambiti espressivi; il terzo prevede la realizzazione di progetti volti a diffondere la cultura della legalità, della cittadinanza responsabile e del contrasto al crimine organizzato; l’ultimo vuole promuovere progetti riguardanti la mobilità giovanile dei ragazzi abruzzesi nei Paesi europei. "Con il Ministro Giorgia Meloni – dichiara Gatti – cerchiamo di offrire ai ragazzi abruzzesi nuove opportunità, per costruire insieme a loro percorsi di crescita nell’ambito della tradizione, della creatività, della legalità e dell’apertura verso il mondo. In un momento in cui nel paese, da alcuni ambiti giovanili, arrivano segnali pericolosi di disaffezione e di insofferenza verso il nostro modello sociale, il ruolo della politica è quello di offrire opportunità concrete e percorsi reali dove i ragazzi possano esprimere i propri talenti".
"La frustrazione di una generazione se non trova sbocchi positivi può essere incanalata in strade alternative, molto pericolose. La politica e le Istituzioni devono avere il coraggio di non nascondere la difficoltà del momento, ma anche la forza di non abdicare al loro ruolo. Scegliere sempre – conclude l’assessore – di utilizzare le risorse disponibili, per offrire ai giovani modelli di maturazione positivi e marginalizzare così la scelta dei ragazzi di percorrere la strada del nichilismo e della contestazione violenta".

Leave a Comment