Scuola, un tavolo in Provincia per definire gli accorpamenti

TERAMO – Un tavolo “tecnico interistituzionale” nel quale siedono la Provincia, l’Unione delle comunità ed enti montani, l’Anci, i dirigenti scolastici e l’Ufficio scolastico, si insedierà domani in Provincia con l’obiettivo di arrivare a predisporre il nuovo piano di dimensionamento della rete scolastica. “Un percorso che durerà tre anni”, tanto è il tempo concesso dalla legge per arrivare al dimensionamento che in prima battuta si occuperà delle scuole del primo ciclo (infanzia, elementari, medie), in sintesi 10 direzioni didattiche, 27 istituti comprensivi, 3 scuole medie. Stando a quanto previsto dalla legge, l’autonomia amministrativa (ovvero dirigenza e segreteria) – è concessa agli istituti comprensivi (che già ricomprendono al loro interno scuole infanzia, scuole primarie e scuola media) con almeno 1000 alunni che scendono a 500 per i comuni montani e alle direzioni didattiche (infanzia e elementari), e alle scuole medie con almeno 600 alunni che scendono a 400 per i comuni montani. Anche per gli istituti superiori il dimensionamento ottimale è fissato in 600 alunni che possono scendere a 400 per i comuni montani. Il tavolo istituito è chiamato a occparsi anche dei nuovi indirizzi scolastici componendo le proposte arrivate dagli istituti e dagli enti locali per poi inviarli alla Regione alla quale spetta ogni decisione in materia. “Non stiamo parlando dell’accorpamento fisico delle scuole ma di accorpamenti amministrativi – spiega l’assessore alla Pubblica istruzione, Giuseppe Antonio Di Michele che specifica – e quindi del numero delle dirigenze. Proprio per la sua composizione, che vede partecipi tutte le componenti coinvolte, dalla scuola agli enti locali, il tavolo garantirà un processo di totale condivisione”.

Leave a Comment