Bancatercas abbatte anche Varese

TERAMO – La BancaTercas infila la quarta vittoria consecutiva e stavolta a cadere è una Cimberio Varese per nulla dimessa. Cuore, determinazione soprattutto quelli dei gregari, questa la ricetta odierna che ha permesso alla squadra di Ramagli di conquistarsi pezzo dopo pezzo il successo. Per aver ragione di una Cimberio presente, trainata da un indomabile Kangur – alla fine il migliore in campo, non solo dei suoi, con 26 punti, 9 rimbalzi e 4 assist -, ha dovuto far ricorso alle migliori energie di Borisov, del solito Polonara e di un Amoroso uscito alla distanza dopo un avvio in ombra. Ci ha provato tre volte la BancaTercas a dare un senso alla mole di gioco espressa in campo, la prima quando ha dovuto stringere i denti per non perdere il contatto da Varese che dopo 5′ era già in prove di fuga (8-14): il 7-0 mette avanti Teramo, ma il controbreak guidato da Fajardo rimette le cose a posto e al primo finale è Varese a chiudere in vantaggio (18-22). La partita adesso è bella, Teramo tiene il campo e diverte, strappando applausi con Cerella capace di stoppare su Rannikko, volare in contropiede e segnare con fallo dopo una mirabile finta di passaggio. E’ il segnale di un nuovo Teramo, che lancia un altro parziale importante, rifinito dall’halley-up di Polonara: è il massimo vantaggio della BancaTercas sul +9, 36-27, al 15′. Partita su un binario individuato? No, perchè Diawara e Kangur, con due triple a testa affermano che Varese c’è: 39-40 al riposo lungo. Teramo torna in campo con la saggezza di chi sa che deve ricominciare daccapo e con lucidità. E lo sa fare, trovando nel finale di quarto il colpo del ko. A lanciare la volata teramana è Borisov (miglior realizzatore dei suoi con 19 punti) che rompe l’equilibrio del 50-50 con 5 punti consecutivi ma a rinforzare lo stacco è un tecnico fischiato a Ganeto oltre al fallo commesso: due triple di Amoroso completano l’opera (61-50). L’ultimo periodo vede Varese cercare di riprendere la presa a con il solo Kangur (123 punti in questo quarto) che si danna l’anima a tamponare e con un tecnico non sfruttato al meglio fischiato a Borisov. La Cimberio non riesce però ad andare più vicina del -3 (78-75) ma sul tabellone manca una manciata di secondo e il finale è tutto della BancaTercas che esce tra gli applausi.
Ecco lo scout della gara:

BancaTercas Teramo batte Cimberio Varese 81-75 (18-22, 39-40, 61-50)
BANCATERCAS: Ricci, Brown B. 10, Amoroso 13, Cerella 10, Brown D. 8, Lulli ne, Green, Borisov 19, Listwon ne, Goods 12, Polonara 9. All. Ramagli.
CIMBERIO: Demartini 2, Hurtt 6, Stipcevic 8, Rannikko 4, Talts 6, Diawara 15, Reati ne, Garri 1, Kangur 26, Ganeto, Bertoglio ne, Fajardo 7. All. Recalcati.
ARBITRI: Tola, Lanzarini, Provini.
NOTE: tiri liberi Teramo 17/25; Varese 12/18; tiri da tre: Teramo 6/19, Varese 9/31 ; rimbalzi: Teramo 40, Varese 33. Usciti per 5 falli: Hurtt (31′), Diawara (40′). Falli tecnici fischiati a Ganeto (29′) e Borisov (35′). Spettatori circa 3.000.

Leave a Comment