Truffa dello specchietto: identificati e denunciati due siciliani

CAMPLI – Hanno finalmente un nome e soprattutto una targa, gli autori della ormai famigerata "truffa degli specchietti", ovvero il trucco di accusare ignari e ingenui automobilisti di aver danneggiato l’auto quando la loro incrociava quella dei truffatori. I carabinieri di Campli hanno identificato e denunciato a piede libero per truffa aggravata e continuata, e in un caso anche di estorsione, due siciliani di Noto (Siracusa). A bordo di una Alfa 147 di colore grigio scuro (con targa DJ101DA, a beneficio di chi malauguratamente dovesse incrociarli e trovarsi nella stessa situazione), sceglievano le loro ‘vittime’, preferibilmente automobilisti dai 65 anni in su, per abbindolarli e chiedere il risarcimento di un danno inesistente. I due al passaggio dell’auto della persona prescelta, la colpiscono con una pietra, e dopo averla raggiunta, bloccano l’automobilista accusandolo di aver danneggiato lo specchietto della loro macchina. Ci sono state almeno 5 vittime nella zona di Campli, e tutti hanno accettato di pagare dai 50 ai 100 euro per il rimborso. Ce n’è stato uno in particolare, un 60enne di San Nicolò, che è stato anche minacciato: al rifiuto dell’uomo di pagare un danno che non aveva procurato, i due hanno preso una tanica di benzina trovata in auto, e hanno mimato l’incendio dell’auto: il pensionato si è però dato alla fuga e ha avvertito i carabinieri che hanno avviato le indagini mettendo insieme anche le altre segnalazioni. Potrebbero essere molti altri i casi però. A tal proposito i carabinieri hanno reso noto che c’è anche un altro mezzo identificato sul quale loro due o forse altri, viaggiano e che mettono in pratica lo stesso trucchetto. Si tratta di una Toyota Corolla di colore grigio chiaro con targa CY203NS. Chiunque avesse subito la stessa truffa può rivolgersi ai carabinieri.

Leave a Comment