Campi elettromagnetici, Teramo è al sicuro dalle radiazioni

TERAMO – Piano Antenne: l’assessore comunale all’Ambiente, Rudy di Stefano, annuncia che si è appena conclusa a Teramo la campagna di misurazione del campo elettromagnetico relativamente agli impianti esistenti. I dati ufficiali non sono ancora stati diffusi ma secondo l’assessore Di Stefano i cittadini possono stare tranquilli perchè dall’analisi è emerso che il livello delle radiazioni è molto al di sotto dei limiti di legge. L’ultima mappatura delle radiazioni elettromagnetiche si aggiunge e va ad aggiornare quella effettuata nel 2007, al fine di valutare il livello generale delle radiazioni e stabilire se siano necessari alcuni provvedimenti, quali la possibilità di installare nuovi impianti, per scongiurare pericoli per la salute della popolazione. “La tutela dell’incolumità dei cittadini – ha dichiarato Di Stefano – è il criterio in base al quale abbiamo voluto impostare il piano, ragion per cui particolare attenzione si sta ponendo per le antenne esistenti e i campi elettromagnetici da esse generati. I campi elettromagnetici degli impianti di telefonia mobile rappresentano una realtà che interessa e coinvolge tutti noi da vicino, sia come utenti finali, poiché tutti ne usufruiamo, si come soggetti passivi che vivono immersi quotidianamente in tali campi. Costituisce, pertanto, un fondamentale diritto dei cittadini conoscere chiaramente la situazione esistente nel territorio, e di conseguenza non appena verrà terminata l’elaborazione relativa ai risultati delle misurazioni, si provvederà alla loro diffusione e alla predisposizione della fase successiva in uno spirito di totale collaborazione e condivisione”. I risultati verranno rimessi nel giro di pochi giorni. "Questa attività – spiega l’assessore Di Stefano – è correlata a una fase di ascolto che abbiamo avuto con i gestori di telefonia ai quale abbiamo chiesto di conoscere i piani di sviluppo che interessano il territorio comunale. Questo al fine di monitorare le attività che avvengono sul suolo comunale e limitare impatti negativi sulla salute della popolazione.

Leave a Comment