Terremoto, alle 3,32 L'Aquila si è fermata

TERAMO – Circa diecimila persone hanno partecipato stanotte alla fiaccolata conclusasi in Piazza Duomo all’Aquila, per ricordare le 309 vittime del sisma che il 6 aprile del 2009, alle 3:32, distrusse il capoluogo abruzzese e altri 56 paesi vicini. Alla fiaccolata ha partecipato anche il ministro per la Coesione territoriale Fabrizio Barca. Il silenzio èstato infranto da 309 rintocchi della campana della chiesa delle Anime Sante, accompagnati dalla lettura dei nomi delle vittime. "Alleanza e progetti per lo sviluppo socio-economico": è questa la terapia che il ministro Barca, ha indicato ai 57 sindaci dei Comuni terremotati per fare in modo che dopo la fase della ricostruzione se ne avvii un’altra che eviti lo spopolamento e che attragga nuovi residenti. La terapia è stata indicata in un incontro tenuto presso il Comune di Rocca di Mezzo nel corso del quale i sindaci hanno invocato l’approvazione dei piani di ricostruzione e lo sblocco dei fondi (12 milioni) del cosiddetto "piano Giovanardi", destinati ai progetti per il sociale, in un momento nel quale lo spopolamento sta accelerando la sua evoluzione.

Leave a Comment