Una "cena dei popoli" per sentirci cittadini del mondo

TERAMO – Una simulazione interattiva in cui ogni commensale assumerà l’identità di un cittadino di uno dei tanti Paesi del mondo. E’ questo lo scopo della “Cena dei popoli”, organizzata per venerdì 1°  giugno nella salone della Chiesa della Madonna degli Angeli, in via Bindi, a San Nicolò a Tordino alle 19,30. L’idea è del Banco di solidarietà di Teramo e del Sermig (Servizio Missionario Giovani). «Non si tratta di una cena folkloristica – spiega il presidente del Banco di solidarietà di Teramo, Mauro Ettorre – ma di una vera cena, aperta a tutti coloro che desiderano mettersi in gioco e approfondire un tema che spesso si tende a nascondere o a ignorare. Interessante sarà anche ascoltare la testimonianza di alcuni operatori del Sermig, che nell’Arsenale della Pace a Torino portano avanti da anni una reale esperienza di accoglienza del prossimo e di condivisione del bisogno». Scopo dell’attività è quello di far prendere coscienza ai partecipanti dello squilibrio nella ripartizione delle risorse tra le varie aree del mondo, partendo in primo luogo dal cibo e dai vari comportamenti umani: c’è chi lo condivide con chi non ne ha a sufficienza e chi se lo accaparra e lo difende. Alla fine, tutti sono invitati a riflettere e a prendere coscienza della complessa realtà di cui facciamo parte. Per informazioni e adesioni, è possibile contattare Alessandra Bizzarri al  numero 331.2216373 o inviare una mail a alessandra.bizzarri@gmail.com . È previsto un contributo di due euro, che sarà interamente devoluto al Sermig.

 

Leave a Comment