Blitz della Finanza all'Ater: acquisiti i documenti di tre anni di gestione

TERAMO – Da questa mattina un nutrito gruppo di militari della Guardia di Finanza di Teramo è al lavoro nella sede dell’Ater di Teramo, in via Roma. I finanzieri stanno acquisendo documentazione sulla gestione degli ultimi tre anni dell’ente che gestisce l’edilizia residenziale popolare: concorsi, assegnazioni, personale, insomma un pò di tutto senza avere una specifica attenzione per qualcosa in particolare. Sull’Ater da diverso tempo c’è in atto una polemica a distanza tra il vertice, rappresentato dall’amministratore unico Marco Pierangeli, e i politici di Idv e Partito democratico, che ne hanno chiesto le dimissioni, Non a caso, proprio a mettere in circolazione la notizia del blitz della Finanza all’Ater di questa mattina è stato il consigliere regionale dell’Idv, Cesare D’Alessandro. In una nota, l’esponente politico di centrosinistra ha commentato: «Anche la Guardia di Finanza, sollecitata dai rilievi formulati dalle opposizioni in Consiglio regionale, ha ritenuto di dover vedere chiaro sino in fondo su alcuni aspetti dell’attività svolta dall’Ater di Teramo, che vanno dalla gestione del personale all’assegnazione di appalti, dalle spese incontrollate ai numerosi viaggi dell’amministratore unico». D’Alessandro ricorda che l’Idv e il Pd hanno messo in rilievo e denunciato le situazioni di illegittimità e di mancata osservanza delle procedure, ma anche l’affidamento sospetto di appalti sotto soglia o l’assegnazione degli stessi a lavori ormai eseguiti. «Quando la politica, per convenienza e spirito di appartenenza – aggiunge nella sua nota il consigliere regionale – non sa assumere le decisioni che gli spettano, interviene la magistratura, che nei fatti ne surroga la responsabilità».

Leave a Comment