Gammarana: spunta una centralina dell'Arta e montano le polemiche

TERAMO – Una “vasca” di 24 metri che occupa un’area verde a ridosso del campo di calcetto, l’unico a disposizione dei ragazzi della Gammarana. Il manufatto, secondo la segnalazione del presidente dell’associazione di quartiere Alfonso Marcozzi, è spuntato “dal nulla”, senza previa consultazione con i residenti e soprattutto senza l’apposito cartello delle autorizzazioni necessarie, visto che l’area è di proprietà comunale. Il paradosso è che si tratta di un’installazione dell’Arta, l’azienda regionale per la tutela ambientale, che installerà una centralina per il monitoraggio della qualità dell’aria. «Niente da ridire – afferma Marcozzi – sulla finalità, che, anzi, riteniamo più che utile, piuttosto sull’ubicazione scelta: possibile che si debba andare ad intaccare una delle poche aree verdi rimaste, con un’installazione che può anche essere pericolosa per i ragazzi che frequentano il campetto? Ci chiediamo dove siano le autorizzazioni e perché nessuno ha pensato di consultare i residenti: noi avremmo proposto un’altra zona, quella dove attualmente sono ammucchiate le giostre, che potrebbe essere riqualificata, e dove la centralina non rappresenta né un intralcio né un pericolo potenziale». Marcozzi chiede inoltre al Comune se sia stata rispettata la destinazione d’uso dell’area, G4, ossia verde pubblico attrezzato.

Leave a Comment