Scuole superiori: scatta l'occupazione fino a giovedì

TERAMO – Dopo una settimana di autogestione e di proteste, culminate con il corteo di venerdì, da oggi gli studenti delle scuole superiori teramane hanno dato il via all’occupazione, solo al Di Poppa-Rozzi è stata scelta la formula dell’autogestione, concordata con la dirigente scolastica, fino a mercoledì. Poi gli studenti si riuniranno per decidere il da farsi, anche in vista del secondo corteo, programmato per venerdì prossimo. «L’occupazione è una forma di protesta estrema», afferma il dirigente scolastico dell’istituto magistrale “Milli” Giovanni Di Giannatale, che, tuttavia, come hanno fatto altri suoi colleghi, si è solo limitato a segnalare alla Questura la situazione. «La protesta – spiega il preside – è legittima, anche se il metodo scelto è considerato illegale. Tuttavia al momento tutto si sta svolgendo in maniera tranquilla». I ragazzi si sono organizzati per restare a dormire anche la notte, sfidando anche le temperature non proprio miti di questi giorni, visto che nelle ore serali il riscaldamento negli istituti resta sempre spento. Non tutti i dirigenti scolastici hanno però accettato di buon grado l’evolversi della protesta: la dirigente scolastica del Delfico-Montauti, Loredana Di Giampaolo, ha infatti inviato una lettera ad alunni e genitori per ribadire che «l’occupazione temporanea della scuola per un tempo apprezzabile integra senza dubbio gli estremi della fattispecie criminosa contestata e  non può essere nella specie invocata la causa di non punibilità di cui all’articolo 51 del codice penale». La preside è anche preoccupata per la validità dell’anno scolastico, «condizionata – come scrive nella lettera – dall’effettuazione di 200 giorni di attività didattica. Se l’ondata delle occupazioni compromettesse il raggiungimento del numero di giorni sopra evidenziato, è preciso dovere e non facoltà dei dirigenti scolastici, quali pubblici ufficiali,  far recuperare i giorni durante le pause natalizie, le festività previste nel calendario scolastico, o in coda alla fine dell’anno».

PROFESSORI ANCORA SUL PIEDE DI GUERRA – Continuano anche le iniziative dei docenti, che protestano contro i tagli alla scuola. Questo pomeriggio professori dell’Alessandrini-Marino-Forti si riuniranno per stilare un documento e annunciare la decisione di astenersi da tutte le attività extracurriculari e le dimissioni dal ruolo di rappresentanti di istituto. Al Classico oggi si terrà anche un Consiglio di istituto straordinario, aperto anche ai rappresentanti degli studenti, per fare il punto della situazione.

Leave a Comment