Consiglio regionale "assediato" dai disoccupati

TERAMO – Manifestazione dinanzi il palazzo di Città a Pescara dove sta per iniziare la prima seduta invernale del Consiglio regionale, da parte dei 60 dipendenti della ex Sogesa di Teramo (raccolta rifiuti) che chiedono risposte urgenti e un incontro con gli esponenti della regione Abruzzo sulla grave situazione esistente dopo la dichiarazione di fallimento dell’azienda arrivata il 26 giugno scorso. I 60 lavoratori sono in cassa integrazione in deroga e in cassa integrazione straordinaria e quindi rischiano il licenziamento al termine della cassa integrazione stessa. I lavoratori hanno esposto anche uno striscione su cui è scritto: "La Sogesa è morta ma i dipendenti no". Parallelamente si sono radunati dinanzi il comune di Pescara anche i lavoratori del Molino Alimonti di Ortona (Chieti), dove gli 80 lavoratori sono tutti in cassa integrazione a zero ore. Nella fabbrica ortonese la produzione è ferma dal settembre scorso. Le maestranze hanno chiesto un incontro immediato con il presidente della Regione, Gianni Chiodi, e l’assessore alle Politiche del Lavoro, Paolo Gatti. Alla seduta del Consiglio Regionale sono giunti in tarda mattinata anche i lavoratori di Teramo Lavoro e quelli di Avezzano (L’Aquila) dell’ex Arssa. Le 110 maestranze di Teramo lavoro che con contratto in house hanno prestato la loro opera presso i Centri per l’Impiego della Provincia di Teramo, hanno avuto un incontro prima dell’inizio della seduta con il presidente della Giunta Gianni Chiodi a cui hanno consegnato una lettera (leggi il testo). "I 110 lavoratori – ha detto Monia Pecorale della Cgil – sono oggi senza lavoro perché nei primi giorni dell’anno non si é provveduto a far partire la Cassa Integrazione, pur essendoci fondi disponibili. Ora stiamo cercando di capire – ha detto l’esponente della Cgil – quali siano gli ostacoli da superare per arrivare ad una risoluzione di questa situazione. La verità é che oggi i 110 lavoratori sono a spasso e i servizi non ci sono più. Noi vogliamo che vengano di nuovo garantiti i livelli occupazionali e i servizi". Da Avezzano sono arrivati a Pescara una sessantina di lavoratori (in maggior parte donne) della Ex Arssa che attendono di conoscere la ricollocazione, da parte dell’assessorato alle Politiche Agricole, dopo la soppressione della società regionale.

Leave a Comment