Taglio del nastro per la Fiera dell'Agricoltura

TERAMO – E’ stata inaugurata oggi l’edizione numero 25 della Fiera dell’Agricoltura. Tantissimi i curiosi che sin dalle prime ore hanno affollato gli stand e visitato le varie attrazioni, dalla Fattoria degli animali ai trattori d’epoca, dagli apprezzati spazi enogastronomici al vivaio. Il classico taglio del nastro è stato affidato al sindaco Maurizio Brucchi, attorniato da un nutrito gruppo di bambini e dalle autorità: l’assessore al Commercio Mario Cozzi, il deputato Paolo Tancredi, l’ assessore regionale Mauro Di Dalmazio, il segretario generale della presidenza della Regione Enrico Mazzarelli, il presidente della Provincia Valter Catarra, il presidente della Confcommercio e della Banda popolare dell’Adriatico Giandomenico Di Sante e tutti i rappresentanti degli Enti che hanno partecipato all’evento: Inps, Inail, Anmil, Anfas, Cia, Coldiretti, Confagricoltura, Provincia e Comune, Camera di Commercio. Il sindaco ha anche premiato gli alunni della scuola Risorgimento che hanno partecipato, con dei disegni ad un progetto promosso dall’Inail. La Fiera, che si svolge a Piano D’Accio, nell’area del nuovo Stadio comunale, sarà visitabile fino a domenica: 20 mila i metri quadri di esposizione, circa 200 gli stand presenti e ben 8 mila i parcheggi disponibili. «Si tratta – ha affermato Brucchi – di un evento importante per la nostra economia: i dati ci dicono che le imprese di questo settore, pur non essendo immuni alla crisi, crescono, e crescono anche i giovani che hanno voglia di dedicarsi a  questo tipo di attività». L’assessore Cozzi ha puntato l’accento sulla crescita della manifestazione. «Anche quest’anno – ha spiegato – abbiamo avuto un ottimo riscontro da parte delle diverse regioni che hanno partecipato l’anno scorso, Sicilia, Sardegna, Marche, Molise Puglia a cui si è aggiunto anche il Veneto: un importante segnale di attenzione verso questo evento, che lo scorso anno ha totalizzato ben 80 mila visitatori».  Tancredi ha sottolineato la vitalità del settore, nonostante il momento di crisi. «Il mondo dell’agricoltura teramana – ha concluso – sta rispondendo bene alle nuove sfide del mercato, che punta sempre di più sul biologico e sulla filiera corta». Sarà possibile raggiungere l’area della Fiera con un bus navetta gratuito, che partirà da piazza Garibaldi ogni 30-40 minuti, passando da piazzale San Francesco, viale Crispi, Cartecchio, Villa Pavone, per arrivare a Piano D’Accio. Sono previsti anche bus gratuiti per le scolaresche. 

Leave a Comment