Brucchi incontra i sindacati sul caso Tercas

TERAMO – La questione Tercas approda sul tavolo del sindaco Maurizio Brucchi. Questa mattina, in una runione nella sala giunta del municipio, il primo cittadino ha incontrato i sindacati del gruppo Tercas – Cisl, Uil, Cgil e Ugl – che rappresentano 1.200 dipendenti di 160 filiali della regione. L’argomento è quello dei problemi che stanno preoccupando il personale e la clientela, con voci di una perdita del controllo azionario da parte della Fondazione Tercas a vantaggio del Credito Valtellinese, con la paura di riflessi occupazionali negativi e la svilimento della territorialità della banca. Brucchi, come riporta una nota del comune, sarebbe stato categorico: l’istituto di credito deve mantenere la sua autonomia e restare banca del territorio. «Ritengo necessario – ha detto Brucchi – che tutte le forze politiche ed economiche territoriali debbano produrre ogni sforzo per raggiungere l’obiettivo e la riunione prevista per il prossimo 20 luglio a Pescara tra gli amministratori e i sindacati, sarà senz’altro utile allo scopo».  E’ stato però anche ribadito che la presenza di un partner industriale è necessaria e utile ma le Fondazioni devono svolgere un ruolo di primo piano. Brucchi si è impegnato a fare la sua parte a difesa della salvaguardia di tutti i posti di lavoro e ha ringraziato i dipendenti «che stanno dimostrando un attaccamento profondo nei confronti della banca – ha detto -, grazie al quale continuano a registrarsi risultati economici soddisfacenti». Apprezzamento è stato rivolto al sindaco dai rappresentanti sindacali per l’iniziativa del primo cittadino.

Leave a Comment