Rifiuti, approvata la nuova legge regionale

TERAMO – "Giornata significativa per l’intero Abruzzo" per l’assessore regionale all’Ambiente, Mauro di Dalmazio, al termine dell’approvazione in Consiglio regionale della legge di riforma del servizio gestione integrata dei rifiuti. "E’ una legge che segna un importante spartiacque nella gestione del ciclo dei rifiuti, perche si tratta di un legge di sistema che avrà il compito di riorganizzare la governance del settore ponendo principi e regole che andranno ad incidere sul futuro del ciclo e a sanare tutte le criticità e le disfunzioni che avevano determinato la crisi strutturale del sistema in Abruzzo, primo fra tutte la eccessiva frammentazione del sistema che a fronte dell’obiettivo delle gestione unitaria registrava in realtà ben 200 soggetti, pubblici e privati, che entravano nelle varie fasi di gestione, contribuendo a creare sprechi, inerzia, inefficienze e ritardi. Questa legge – conclude Mauro Di Dalmazio – che prevede un ruolo centrale dei Comuni con un unico ambito regionale (a livello locale ci saranno solo ambiti operativi, non ‘carrozzoni’ amministrativi), dovrà essere attuata nel più breve tempo possibile dai soggetti deputati". Il primo passo sarà quello della nomina di un commissario unico regionale che andrà a costituire l’assemblea dei Comuni, questi ultimi poi procederanno alla ricognizione degli impianti per arrivare alla gestione unica e alla riduzione delle frammentazioni. Conseguenza logica di questa fase sarà la messa in liquidazione dei consorzi. L’assessore all’Ambiente ha voluto infine ringraziare l’intera maggioranza consiliare, il capogruppo del Pdl, Lanfranco Venturoni, il presidente della commissione consiliare, Nicola Argirò, "per la collaborazione e l’importante contributo dato nell’elaborazione della legge di riforma" ma anche l’opposizione "per l’atteggiamento responsabile mostrato" e la collaborazione nelle fasi della commissione. I contenuti della legge di riforma, frutto di un anno e mezzo di lavoro e di confronto, saranno illustrati nei prossimi giorni.

Leave a Comment