Pescara, 200 dipendenti Inps protestano davanti alla Prefettura

TERAMO – Continua lo stato di agitazione dei dipendenti dell’Inps, che stamattina stanno manifestando a Pescara, davanti alla sede della Prefettura. Sono in tutto 200 i lavoratori delle sedi Inps di tutto l’Abruzzo impegnati nella protesta odierna, che rientra nell’ambito della vertenza nazionale. Ad essere contestata è la decisione della Ragioneria dello Stato che prevede il taglio di 300 euro sul salario accessorio, per un totale di 93 milioni di tagli nazionali.  «Noi chiediamo – ha spiegato Vincenzo Traniello della Cisl Funzione pubblica – il ripristino dei 93 milioni  perché non è più possibile continuare a mettere le mani in tasca ai lavoratori. Anziché potenziare l’Inps quale baluardo dello stato sociale in quanto erogatore di servizi e prestazioni per le maestranze, si preferisce tagliare sulla carne viva dei lavoratori e non su consulenze esterne e appalti, se non in minima parte». Una delegazione di lavoratori incontrerà nella mattinata il prefetto di Pescara, Vincenzo D’Antuono. In Abruzzo, nelle sedi
territoriali regionali, sono impiegati oltre un migliaio di persone.

Leave a Comment