La castagna regina del weekend a Valle Castellana

TERAMO – Un weekend dedicato alle castagne, nel cuore del Parco Nazionale Gran Sasso-Monti della Laga, quello che si svolgerà sabato e domenica a Leofara di Valle Castellana, che ripropone la Festa della Castagna, a cura dell’associazione I’Fere in collaborazione con il Comune, il Consorzio Bim Vomano-Tordino e la Camera di Commercio di Teramo. Un’occasione per conoscere il territorio e visitare i castagneti locali: la cura degli alberi e la raccolta dei marroni a Valle Castellana è una pratica antichissima, di cui si ha testimonianza storica sin dal XIII secolo e in località Morrice si trova il castagno di Nardò, tra i più grandi d’Italia, con la circonferenza record di 14 metri. La festa ha inizio sabato alle 12, con l’apertura degli stand gastronomici. A partire dalle 15, con “Le castagne sul Fuoco” sarà possibile visitare i castagneti di Leofara. Alle ore 18 intrattenimento con Vittorio “Il Fenomeno” e poi la tradizionale Castagnata, offerta dagli organizzatori, concluderanno il primo giorno della Festa. Domenica 27 ottobre gli stand saranno aperti dalle 9 d mattina e nel pomeriggio, dalle 15 sarà possibile nuovamente visitare i castagneti e degustare prodotti tipici a base di castagne. Alle 11 intrattenimento e musica folk, che allieterà tutta la giornata, intervallata dall’estrazione della lotteria, alle ore 17. Agli stand sarà possibile degustare il pregiato marrone di Valle Castellana, caldarroste e altri prodotti tipici come formaggi, arrosticini, polenta, zuppa di ceci, castagne e funghi, sfritta di maiale con castagne e mele e tanti altri piatti e dessert. Una kermesse enogastronomica nel pieno rispetto dell’ambiente e della cornice che la ospita, con l’utilizzo di piatti e materiali rigorosamente biodegradabili e compostabili. “Una tradizione che si rinnova da anni – spiega il sindaco di Valle Castellana, Vincenzo Esposito -. La Festa della Castagna rappresenta un appuntamento d’autunno da non perdere e offre l’occasione di poter visitare i castagneti, degustare la pregiata qualità di marroni locali e di trascorrere una giornata immersi nella natura del Parco”. Il parcheggio e il servizio d’ordine dell’evento sono assicurati in collaborazione con la Croce Rossa – Nucleo Protezione Civile di Teramo e l’Associazione nazionale Carabinieri. Ci sarà a disposizione dei visitatori un servizio di bus navetta e, disponibile su prenotazione, il “Menu della castagna” A margine della conferenza stampa, il sindaco ha posto l’accento anche sul problema di un parassita, il cinipide, che sta attaccando i castagni e compromettendo la produzione, con gravi impatti sull’economia locale e sulla filiera castanicola: “Un problema- conclude il sindaco – che deve essere affrontato subito con efficaci soluzioni, in grado di contrastare il proliferare del parassita, e in questo senso mi attiverò presso l’assessorato regionale all’Agricoltura e gli altri enti sovraordinati perché il nostro patrimonio deve essere assolutamente salvaguardato”.

Leave a Comment