Saldi invernali al via il 4 gennaio ma Confesercenti protesta

TERAMO – Partiranno il 4 gennaio i saldi invernali in Abruzzo e si protrarranno per due mesi. Lo ha stabilito questa mattina la conferenza regionale dei servizi. Quelli estivi cominceranno invece il 7 luglio. Una data su cui però non è d’accordo la Confesercenti, che chiede alla Regione di farsi capofila per una riforma strutturale della materia. «Abbiamo chiesto che l’Abruzzo lanci una campagna fra le altre Regioni – spiegano i direttori provinciali delle Confesercenti di Pescara e Chieti, Gianni Taucci e Lido Legnini, che hanno rappresentato l’associazione nella conferenza dei servizi di questa mattina – perché ci sia uno slittamento in avanti delle date ed una riduzione della loro durata. I saldi hanno dato molto al commercio negli anni passati ma così come sono strutturati oggi non fanno sempre bene alla categoria. Chiediamo che si apra una fase di sperimentazione che duri almeno 24 mesi, nei quali non solo i saldi vengano posticipati davvero a fine stagione, ma nei quali si aprano anche finestre con la possibilità di effettuare vendite promozionali, fermo restando il blocco totale nei 30 giorni precedenti ai saldi, in modo da consentire alla piccola e media distribuzione di competere ad armi pari». Nel corso della conferenza dei servizi la Confesercenti ha rinnovato anche la propria richiesta di una nuova regolamentazione delle aperture domenicali.

Leave a Comment