'Nettuno' ci costa 10 milioni di euro solo per le strade

TERAMO – Ammonta ad almeno 10 milioni di euro la stima dei danni alla viabilità provinciale provocati dal passaggio del ciclone ‘Nettuno’. E’ la conta fatta dalla Provincia di Teramo che ancora oggi combatte con frane e smottamenti per liberare le strade. Ai conti economici per le strade vanno ovviamente aggiunti anche quelli dei danni alle colture, alle abitazioni private e alle aziende. «Riceviamo continue telefonate da parte di imprenditori disperati che ci annunciano la chiusura delle attività perchè non sono in grado di riparare i danni subiti e di ripartire – dichiara l’assessore alla viabilità, Elicio Romandini -. Questa mattina abbiamo redatto una prima stima dei danni alla viabilità che si aggiungono a quelli già quantificati, circa 12 milioni, causati dalle piogge dell’11 e 12 novembre scorso». Sulla grave situazione che incombe su Valle Castellana e Pietracamela, Romadini è chiaro: «Fra il disagio delle popolazioni e l’esigenza di sicurezza abbiamo scelto quest’ultima: al momento non vi sono sufficienti garanzie sulla tenuta dei pendii e quindi, dobbiamo continuare a mantenerle chiuse. Ad oggi non abbiamo la disponibilità di somme da spendere in somma urgenza: dobbiamo aspettare i fondi dell’alluvione 2011 ammesso che ci diano l’autorizzazione ad utilizzarli per i danni di oggi».

Al momento restano chiuse le seguenti strade: 

SP n. 365 alla Km. ca 27+000 in Comune di Bisenti/Castiglione M. Raimondo;
SP n. 12 in corrispondenza del ponte sul fiume Salinello in Comune di Bellante;
SP n. 65 di Ronzano alla Km. ca 1+200 in Comune di Castel Castagna;
SP di Befaro in località Madonna della Neve Comune di Castelli;
SP n. 49 Valle Castellana (alternativa  Morrice – Acquasanta);
SP n. 43 Pietracamela (alternativa la Fano Intermesoli solo per i mezzi di soccorso).

Ci sono invece limitazioni nella percorrenza sulle seguenti strade:

SP n. 19/a di Miano alla Km. ca 9+500 in Comune di Teramo  limite di peso a 3,5 tonnellate;
SP n. 37/a del Pilone in Comune di Castel Castagna, alla Km. ca 0+100 ed in più punti, limite di peso a 3,5 tonn. e senso unico alternato;
SP n. 32 di San Giorgio Km. 4 circa in Comune di Castiglione M.R. limite di peso a 3,5 ton e senso unico alternato;
SP n. 34/d di Collemesole in Comune di Arsita, alla Km. ca 0+150 ed in più punti, limite di peso a 3,5 T e senso unico alternato.

Leave a Comment