«Di Gialluca non è il nostro candidato sindaco»

TERAMO – Un accordo tra forze di centrosinistra per candidare a sindaco di Teramo l’ingegner Raffaele Di Gialluca? Il segretario provinciale del Pd Gabriele Minosse smentisce questa ipotesi. «Non c’è nessun accordo ufficiale», spiega Minosse, precisando che Di Gialluca è il candidato scelto dalla coalizione che fa capo a Berardo Rabbuffo (il quale ha lanciato, proprio a Teramo, il "Polo di centro moderato"). Minosse ammette di aver avuto "una chiacchierata" con Rabbuffo stesso, ma niente di più. Tutti gli esponenti del Pd, dal segretario comunale Alberto Melarangelo alla presidente dell’assemblea regionale del Pd Manola Di Pasquale continuano a puntare sulle primarie di coalizione per la scelta del candidato sindaco del centrosinistra. «Il Pd – aggiunge Minosse – punta ad esprimere un proprio candidato sindaco, e ci stiamo lavorando, con nomi interni al partito e anche presi dalla società civile». E nel caso in cui le primarie di coalizione non dovessero tenersi? «Anche se si dovesse verificare questa ipotesi – risponde Minosse – vorremmo comunque avere un nostro candidato». A quanto pare l’ipotesi di un simile accordo, invisa ad una parte del Pd, non è campata in aria, ma se ne sarebbe parlato nel corso di una delle ultime riunioni del direttivo del partito. L’indiscrezione, riportata sul blog "I due punti", è dunque uscita dalle "segrete stanze" per finire sulla bocca di tutti, scatenando le immancabili reazioni del caso, come quella dei "Per Davvero" che in una nota rispolverano l’antico proverbio latino "Errare humanum est, perseverare autem diabolicum", temendo di ripetere l’esperienza del 2009, quando, con il candidato sindaco Paolo Albi, il centro sinistra si collocò «al minimo storico». Da qui l’appello al segretario regionale Silvio Paolucci a trovare all’interno dle partito stesso «una figura adatta a guidare una coalizione di Centrosinistra per affrontare la prossima battaglia elettorale al fine del superamento della fallimentare amministrazione di Centrodestra».

Leave a Comment