Officine Indipendenti lancia una raccolta fondi per i lavori di insonorizzazione

TERAMO – A un mese dal provvedimento di chiusura del circolo Officine Indipendenti, i promotori presentano una memoria difensiva e attivano una iniziativa di crowfounding, ovvero uno strumento collettivo di raccolta fondi per riaprire la struttura di via del Vezzola. Il primo passo del presidente Giorgio Giannella e degli altri soci Stefano Diodati e Jacopo Dartagnan, è quello della richiesta al Comune di un’udienza per chiarire la posizione del circolo anche alla luce dell’assenza di un piano di zonizzazione sui decibel. “E’ la prima volte che ci viene contestato il superamento dei decibel – dice Giorgio Giannella –ci saremmo aspettati quantomeno una diffida prima di procedere con una soluzione tanto drastica. Intanto le attività del circolo e l’attività politica della lista “Prospettiva comune”, in attesa dell’ufficiaizzazione dei candidati alle amministrative, proseguono con una serie di incontri con i residenti nei diversi quartieri. Si parte domani alle 21 nella sede della Confcommercio, mercoledì, sempre alle 21, è la volta di Colleatterrato Basso al bar Primavera, infine giovedì i soci del circolo incontrano i cittadini di Piano della Lenta alle 21 al bar dei Pini.  Oltre all’iniziativa di raccolta fondi on line, Officine Indipendenti promuove infine un concerto di autofinanziamento intitolato “Schiamazzi atto 2°” in programma all’hotel Michelangelo alle 22. L’invito alla kermesse è finalizzata a sostenre, attraverso una sottoscrizione minima di 2 euro, le attività del circolo e i lavori di adeguamento dei locali che Giannella definisce di “in sonorizzazione del perbenismo e dei rapporti di forza”

Leave a Comment