Corropoli, sfida tra contrade al Palio delle Botti

CORROPOLI – Week end all’insegna della tradizione e del folklore a Corropoli con la 32esima edizione del “Palio delle Botti”. La storica rievocazione si svolgerà domenica a partire dalle 19.30 anticipata, sabato pomeriggio alle 17, dall’annuncio ufficiale dell’apertura del Palio con la solenne pontificale, il lancio della sfida, le gare di qualificazioni al Palio e, alle 22, i “Giochi senza Frontiere”. Domenica si svolgerà invece il corteo con oltre 250 figuranti che rievocheranno la Pentecoste Celestiniana lungo le vie del centro vibratiano. Seguiranno l’annuncio "De lo spectaculare Ludo de le Botti" da parte del Magistrato, la solenne allocuzione dell’abate di Santa Maria di Mejulano, l’omaggio ai duchi Acquaviva e la pesa e marchiatura delle botti, accompagnate dall’esibizione dei musici e sbandieratori. Alle 21 saranno i giovani spingitori (categoria 8-11 anni e categoria 12-16 anni) a darsi battaglia per conquistare il prestigioso palio di categoria. A partire dalle 22, infine, spazio al vero e proprio Palio con la tradizionale sfida tra le contrade cittadine per conquistare il "drappo" della vittoria, realizzato anche quest’anno dalla pittrice Elga Vagnoni. Dieci le contrade (Montagnola, Piane San Donato, Centro storico, Colle Mejulano, Ravigliano, Gabbiano, Pianagallo Vibrata, Accattapane e Centurati) che quest’anno si daranno battaglia nella gara di velocità con le botti attraverso un percorso cittadino di circa 900 metri. L’ultima edizione del Palio ha visto trionfare la contrada Colle Mejulano. Anche quest’anno, chi conquisterà il drappo parteciperà al Palio nazionale che si svolgerà in autunno. Un premio andrà anche alla contrada più vivace e spettacolare valutata da una giuria composta da alcuni turisti in vacanza in Abruzzo. Durante le due serate sarà possibile degustare i prodotti gastronomici tipici del territorio vibratiano negli stand allestiti per l’occasione. Il Palio è patrocinato dal Comune di Corropoli, dalla Provincia di Teramo e dalla Regione Abruzzo.

Leave a Comment