Pressioni alle cliniche private, Chiodi: 'Sono dispiaciuto, ho lavorato per cittadini'

TERAMO – "Sono esterrefatto e dispiaciuto. Ricordo che fu una trattativa difficile e di fondamentale importanza per le sorti del sistema sanitario regionale e per la sua moralizzazione. Del risultato ne hanno beneficiato i cittadini. In Abruzzo accadeva sempre il contrario". Lo scrive in una nota Gianni Chiodi in merito alla notizia della sua iscrizione sul registro degli indagati per presunte pressioni nelle trattative per i tetti di spesa sanitari con le cliniche private. "Studierò le carte che ancora non ho, resta oltre a tanta amarezza, l’orgoglio di aver difeso gli interessi generali", chiude Chiodi.

Leave a Comment