D'Alfonso chiede ai medici un "patto etico" per migliorare la sanità abruzzese

TERAMO – Un ‘patto etico’ con gli operatori della sanità regionale "per innalzare il livello dell’offerta tenendo a mente che in questo momento è necessario un processo di de-ospedalizzazione e di allungamento della filiera territoriale". Così il governatore Luciano D’Alfonso oggi in visita all’ospedale clinicizzato di Chieti. "Occorre  riconcepire il rapporto nel territorio – ha continuato il presidente della Regione – in modo che il paziente possa godere di una grande capacità di servizi dal momento in cui entra in contatto con il medico di famiglia fino al momento della straordinarietà della risposta ospedaliera". Nel corso della visita D’Alfoso, accompagnato dall’ex sindaco di Chieti Francesco Ricci e dal professor Leonardo Mastropasqua, ha visitato la clinica Oftalmologica che ospita il Centro regionale di eccellenza di Oftalmologia, eletto anche come Centro nazionale di Alta tecnologia. Un’eccellenza dell’offerta sanitaria regionale che conta 5000 interventi l’anno tra robotica della cataratta, trapianti di cornea, chirurgia refrattiva (miopia, astigmatismo, ipermetropia, maculopatia diabetica e senile). "Abbiamo visitato il Centro – ha detto D’Alfonso – ma anche i reparti dell’ospedale nella loro produzione quotidiana di servizi alla persona. Sappiamo benissimo che c’è bisogno, in questo particolare momento, di fare il punto di quello che serve e di quello che si deve fare, ma dobbiamo anche sapere che le risorse, finanziarie, umane e strutturali, ci vengono chieste da tutti in un momento di spending review. Questo non significa – ha spiegato meglio il presidente della Giunta regionale – che non ci sono le risorse, ma che esse vanno collocate meglio rispetto al passato. La differenza e’ il dove si collocano queste risorse per raggiungere quei risultati che poi verranno sottoposti al giudizio dei cittadini".

Leave a Comment