Fagnano è il direttore generale della Asl di Teramo

TERAMO – Roberto Fagnano, 51 anni, avvocato di Campobasso, è il nuovo direttore generale della Asl di Teramo. Lo ha designato la giunta regionale presieduta dal Governatore Luciano D’Alfonso, su proposta dell’assessore regionale alla sanità Silvio Paolucci. Tutto come svelato nei giorni scorsi, dunque: il successore di Rolleri è, come Rolleri, un non teramano, un non abruzzese. Particolare che molta parte della sanità teramana e del centrosinistra teramano in particolare, aveva sottolineato, chiedendo che la decisione del governatore prendesse in considerazione un rosa di nomi in cui fossero determinanti le posizioni dell’ex direttore amministrativo Ambrosj, del responsabile del servizio Veterinario, Striglioni, dell’ex direttore generale (l’ultimo dei teramani), Sabatino Casini. Nulla da fare. Oggi l’assessore Silvio Paolucci ha dichiarato in sostanza che la ‘formazione’ teramana nella griglia degli aventi i requisiti per direttore generale, non era all’altezza: che i termini per la riapertura del bando erano di almeno 24 mesi, dunque in scadenza a gennaio 2015, e che proprio questo particolare ha reso difficile e lunga la ricerca del candidato idoneo, essendo in pratica tutti i ricompresi in quell’elenco ormai già accasati altrove e in migliori condizioni. Fagnano dovrebbe prendere servizio tra una settimana, espletati tutti i passaggio formali, tra i quali la verifica dei requisiti, un secondo ste in giunta per l’approvazione dell’incarico e la firma del contratto. Secondo quanto dichiarato da Paolucci oggi, prima di entrare in giunta e prima di ufficializzare il nominativo ai sindaci Brucchi (Teramo), Mastromauro (Giulianova), Astolfi (Atri) e Pavone (Roseto) – ovvero il comitato ristretto -, a far pendere la bilancia nei confronti di Fagnano c’è soprattutto il requisito di essere componente del Comitato Stem, l’organismo di monitoraggio terzo tra Governo e Regioni, quello che rileva lo stato di salute delle sanità regionali: «E questo per una regione che sta uscendo dal commissariamento è un elemento da non sottovalutare». Fagnano nella sua carriera ha ricoperto il ruolo più recente di direttore generale dell’assessorato regionale alla sanità del Molise, ma anche quello di citymanager del comune di Termoli (nel 2007) e componente del consiglio di amministrazione della Stu (Società di trasformazione Urbana), la società mista tra Comune di Termoli e Iacp della Provincia di Campobasso. 

Leave a Comment