Legge di stabilità, Sottanelli chiede di estendere il regime dei minimi

TERAMO – "Tutte le proposte messe finora sul piatto dal governo in merito alla prossima legge di stabilità riguardano soprattutto il lavoro dipendente, pensiamo al rifinanziamento della misura delle 80 euro, alle stabilizzazioni nel mondo della scuola, al rifinanziamento degli ammortizzatori sociali e, in ultimo, all’idea del Tfr in busta paga: chiediamo con forza al governo attenzione verso il mondo delle partite Iva, dietro questa categoria ci sono tanti giovani professionisti, commercianti, artigiani e piccole imprese che ogni giorno lavorano e rischiano e meritano quindi la stessa attenzione di chi percepisce una busta paga”. E’ la proposta del deputato abruzzese Giulio Sottanelli, capogruppo di Scelta Civica in Commissione Finanze alla Camera e responsabile tematico di Scelta Civica per il sostegno alle piccole e medie imprese, che annuncia la presentazione di una proposta per la prossima legge finanziaria per il cambiamento del cosiddetto ‘regime dei minimi’, che attualmente prevede un’imposta sostitutiva al 5% senza applicazione di Iva e Irap da presentare. La proposta prevedrà l’estensione sia per ciò che riguarda il limite sugli anni di permanenza nel regime che sulla soglia di fatturato, rendendolo quindi applicabile oltre i 5 anni oggi previsti ed alzando la soglia di fatturato dagli attuali 30mila euro a 50mila. Tra le ipotesi allo studio e da inserire nella proposta anche la rivisitazione delle modalità di versament previdenziali per il regime dei minimi.“Mi farò promotore di questa proposta in Commissione Finanze nella prossima discussione della legge finanziaria, sarà una delle misure principali che Scelta Civica sosterrà sul piano fiscale a sostegno del mondo delle partite Iva – continua Sottanelli – per dare un segnale concreto a tutti gli autonomi e a coloro che aiutano fortemente la crescita del nostro Paese, contiamo sull’appoggio del governo e in particolare sul sostegno del nostro Sottosegretario al Ministero dell’economia e delle finanze Enrico Zanetti”.

Leave a Comment