Strangola la compagna con un filo elettrico

VASTO – Una donna originaria di Roma, Daniela Marchi, 53 anni, è stata uccisa dal compagno in un appartamento a Vasto Marina dove risiedevano insieme da tempo. Secondo gli inquirenti si tratterebbe di un omicidio passionale avvenuto poco dopo la mezzanotte nel giorno della Festa della donna. L’uomo, Joseph Martella, un 57enne di origine francese ma abruzzese di adozione, dopo avere strangolato la 53enne con un cavo elettrico ha cercato aiuto ai vicini di casa che hanno chiamato il 118 e la polizia, ma per la donna non c’era più niente da fare. Sul luogo del delitto sono giunti il pm di Vasto, Giancarlo Ciani e il vicequestore Alessandro Di Blasio, che hanno ascoltato la prima ricostruzione dell’uomo, in evidente stato confusionale. La salma è stata trasferita presso l’obitorio di Vasto. Il presunto assassino, dopo essere stato portato in Procura e interrogato alla presenza del suo legale, è stato trasferito in carcere. «Nell’interrogatorio di garanzia di questa notte in procura, davanti al pm Ciani, il mio assistito si è avvalso della facoltà di non rispondere. È fortemente provato». Lo ha detto Massimiliano Baccalà, legale di fiducia di Martella. In tarda mattinata l’avvocato si recherà nel carcere di Torre Sinello per ripercorrere la dinamica del delitto «in quanto non mi è stato possibile parlare da solo con Martella. È sicuramente un reato di spessore, bisogna capire come si sia arrivati a tanto, insieme voglio ricostruire, minuto per minuto cosa è accaduto. Poi decideremo il da farsi».

Leave a Comment