Trentuno multe al giorno: è la scure dei vigili teramani

TERAMO – Viaggia ad una media di 31 verbali al giorno l’attività di controllo e repressione dei vigili urbani del comune di Teramo nel 2014. E’ uno dei dati che risulta dall’analisi del servizio espletato dalle guardie municipali nella relazione all’amministrazione comunale del comandante Franco Zaina. Le multe sono state oltre 11.200 e sono aumentate di circa 617 rispetto all’anno precedente e tra queste la maggior parte è costituita da rilievi per la sosta sulle strisce o sugli attraversamenti pedonali, che sono 576, o sui marciapiedi (305), o negli spazi riservati agli invalidi (149). Appena 42 in un anno le sanzioni per il mancato uso delle cinture di sicurezza o del telefonino alla guida. Superano quota 3mila (3.291) le segnalazioni che la sala operativa municipale ha gestito nel corso dei 12 mesi così come il nucleo informatori ha evaso oltre 2.600 pratiche per variazioni anagrafiche e altre attività di accertamento sulle residenze e l’ospitalità. Nel settore di polizia urbanistica sono state 114 le pratiche istruite, con ispezioni nei cantieri, controllo sul commercio e interventi per 250 trattamenti sanitari obbligatori. Nel porta a porta sono state 21 le multe comminate d’intesa con la Teramo Ambiente, sul conferimento irregolare di rifiuti. «Nonostante la carenza di organico, i vigili urbani hanno garantito la presenza nel territorio, assicurando i servizi istituzionali con efficacia – è il commento del sindaco Brucchi a questi dati -. Ritengo significativo che, anche grazie all’azione della Polizia Municipale, la qualità urbana abbia registrato una ulteriore conferma. Anche per l’anno in corso assicurerà prioritariamente un’azione di vigilanza e controllo in tutti i settori di intervento istituzionale per tutelare le condizioni di sicurezza e di vivibilità, prevenendo e reprimendo le violazioni delle disposizioni di legge per la tutela degli interessi pubblici di competenza del Comune: traffico e viabilità, commercio e annona, edilizia, igiene, ambiente, inquinamento atmosferico ed acustico».

Leave a Comment