Contenimento cinghiali, abbattuti 375 capi

TERAMO – Con la riapertura del calendario venatorio (2 settembre) la Provincia ha annunciato una serie di novità e ha presentato i dati sul Piano di contenimento dei cinghiali attuato fra maggio e luglio. I finanziamenti per le attività di formazione e divulgazione riguardanti l’attività venatoria e quella micologica saranno erogati sulla base di bandi pubblici e su presentazione di progetto. Sul monitoraggio e controllo del territorio ci si farà coadiuvare dalle Guardie ecologiche provinciali per rafforzare le attività di prevenzione e accertamenti. Significativi i risultati del Piano di contenimento come spiegato questa mattina dal presidente Renzo Di Sabatino e dal consigliere Massimo Vagnoni, coadiuvati dal funzionario del settore, Giovanni Castiglione e dal comandante della Polizia Provinciale, Fabio Di Vincenzo. Con il piano di prelievo attuato fra maggio e luglio sono stati abbattuti 375 cinghiali e le richieste per danni sono diminuite del 26% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il numero più consistente dei capi abbattuti si è registrato nel capoluogo teramano con 69 cinghiali prelevati, seguono Tossicia con 61 capi e Montorio con 54 capi abbatuto. Il Piano di contenimento degli ungulati –solo con selecontrollori formati dall’ente e sotto la supervisione della Polizia Provinciale – è stato attuato al di fuori del periodo di caccia (ottobre-dicembre) per limitare la proliferazione di una specie che causa significativi danni economici e sociali. Dai dati emersi, secondo la Provoncia, è possibile che con lo schema di intervento adottato ci possa essere una flessione del danno, nell’arco di un quinquennio, di circa il 50%. Va considerato che negli anni nei quali non si è intervenuti fra marzo e agosto si è arrivati oltre le 350 mila euro di richieste di rimborso soprattutto da parte degli agricoltori.

Leave a Comment