Universitari, richieste per un nuovo piano delle linee di trasporto

TERAMO – Sono soddisfatti i rappresentanti dell’Udu, l’unione degli universitari, dopo l’incontro con il sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi, e gli assessori Eva Guardiani e Francesca Lucantoni, organizzato per fare il punto sulle problematiche dei servizi per gli studenti. Delibera alla mano, gli universitari hanno ottenuto che tornerà a disposizione dal prossimo 2 novembre l’aula studio concessa dal Comune presso l’Arca, il Laboratorio delle Arti contemporanee di largo San Matteo: l’aula sarà aperta anche nei week end, unica in tutta la città, ed è provvista di  collegamento wifi gratuito. Una conferenza di servizi sarà organizzata dall’assessorato al commercio, invece, per valutare la possibilità che la "carta servizi", da sempre a sola iniziativa dell’Udu Teramo, che prevede la possibilità agli iscritti all’Università teramana di ricevere sconti negli esercizi commerciali aderenti al progetto, possa essere “istituzionalizzata”. L’iniziativa, secondo gli studenti, è «il primo passo per rendere questa città – dicono -, una città ‘universitaria’ e uno strumento per accorciare le distanze tra essa e gli studenti». Resta però il problema dei trasporti. I rappresentanti dell’Udu hanno sottolineato la mancanza di un bus dedicato nella fascia oraria dalle 15 alle 17 e in generale di mancanza di chilometraggio. Hanno chiesto al sindaco, strappando un impegno ad una valutazione con l’aiuto dei tecnico comunali, uno studio apposito per ripensare una ottimizzazione delle linee urbane con una risistemazione degli orari di passaggio dei mezzi verso l’università. 

Leave a Comment