Tagli sulle corse a Cermignano, il sindaco insorge: «Residenti isolati, questo non è servizio pubblico»

TERAMO – «Condannati all’isolamento e all’abbandono», è il grido dall’allarme il Comune di Cermignano sul ridimensionamento del servizio di trasporto pubblico della Tua (la società unica dei trasporti abruzzese nata dalla fusione di Arpa, Sangritana e Gtm). Forti preoccupazioni sono state espresse dal sindaco, Santino Di Valerio, in una lettera indirizzata alla direzione generale dell’azienda e alla Regione Abruzzo in merito al rischio di ridimensionamento del servizio, che interesserebbe un po’ tutto il territorio provinciale, e in particolare per la soppressione di una corsa sul territorio comunale: l’unico servizio giornaliero che collega la popolosa frazione di Montegualtieri con il capoluogo per un tragitto di circa 6 chilometri, sancendo di fatto l’isolamento dei suoi abitanti. Il sindaco Di Valerio ricorda come già il servizio di trasporto pubblico locale dal 2011 abbia subìto un pesante ridimensionamento a scapito di un’altra frazione di Cermignano, Poggio delle Rose. “Alla luce dei tagli paventati – si legge nella nota dell’Amministrazione comunale – viene da chiedersi se il servizio del trasporto regionale conservi ancora la sua natura pubblica. Un servizio pubblico si dovrebbe occupare anche di rimuovere i disagi sociali ed economici dei cittadini. Ancora una volta i tagli previsti andrebbero ad interessare soprattutto il trasporto nelle aree interne, ancora una volta sarebbero le zone più disagiate di un territorio a continuare a soffrire”. Il sindaco richiama i gravi costi economici e sociali che tali scelte comporterebbero, penalizzando i residenti delle aree interne e, in particolar modo, le persone anziane per le quali l’autobus rappresenta di fatto l’unico mezzo per andare dal medico di base, fare la spesa, riscuotere la pensione». Infine, l’invito a tutte le istituzioni locali, provinciali, regionali e ai vertici di Tua a fare quadrato per evitare ulteriormente lo spopolamento delle aree interne.

Leave a Comment