Teramo e Ascoli 'accorciano' i chilometri di distanza

TERAMO – Anche sul fronte delle vie di collegamento Teramo e Ascoli hanno una visione e interessi comuni: per Teramo si tratta di completare la Pedemontana nord fino alla Bonifica del Tronto, per Ascoli e in generale per il territorio marchigiano, di accorciare le distanze con la Capitale e il Tirreno. A fare il punto sui progetti riguardanti la viabilità, questa mattina, in Via Milli, il presidente della Provincia ascolana, Paolo D’Erasmo e il presidente Di Sabatino coadiuvati dai rispettivi tecnici. «Abbiamo esaminato il tracciato della pedemontana lato teramano e lato ascolano – spiega Di Sabatino –: loro hanno già realizzato 11 dei 55 chilometri della cosiddetta “mezzina” e hanno in progettazione la tratta Salaria-Offida. Noi, come noto, siamo arrivati a Floriano di Campli e dovremmo proseguire fino alla Bonifica del Tronto con una spesa di circa 50 milioni di euro. Finanziamenti da trovare, certo, ma il fronte comune e il riconoscimento dell’area di crisi complessa rende questo obiettivo meno lontano». Intanto è stato raggiunto un accordo per la sistemazione del vecchio ponte (si tratta di una struttura in mattoni degli anni ’50) che collega Ancarano a Castel di Lama dove occorre rifare la piattaforma stradale e installare le barriere di sicurezza: un impegno di 250mila euro che sarà sostenuto in parti uguali dalle due Province mentre quella di Ascoli si occuperà della progettazione e dell’appalto.

Leave a Comment