Ecco il cantiere da 120 milioni di euro del Masterplan

TERAMO – Sarà il più grande ‘cantiere’ cittadino di sempre quello che il Masterplan metterà in campo a Teramo nei prossimi mesi, se è vero che impegnerà qualcosa come 120 milioni di euro in interventi di riqualificazione cittadina e che porterà alla nascita di una sorta di cittadella universitaria. Ne hanno discusso questa sera, nella sede del rettorato al Campus di Coste Sant’Agostino, nella riunione coordinata dal rettore Luciano D’Amico, il presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, il presidente della Provincia, Renzo Di Sabatino, il sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi, il direttore generale della Asl, Roberto Fagnano, il direttore generale dell’Istituto zooprofilattico Mauro Mattioliil presidente dell’Azienda per il diritto allo studio, Paolo Berardinelli. L’accordo di programma cui si arriverà, prevede la realizzazione della funicolare di Colleparco per il collegamento tra l’università e la città, la cittadella delle arti nell’ex manicomio di porta Melatina, un polo Agrobioser in sinergia tra UniTe e Izs, uno studentato e un centro culturale internazionale nella sede dell’ex rettorato di Viale Crucioli. Agli 80 milioni di euro previsti dal Masterplan si aggiungeranno 40 milioni così suddivisi: 10 milioni dal Fondo nazionale per la ricerca (Università), 14 milioni dalla proprietà immobiliare della Asl, 10 milioni dalla proprietà immobiliare dell’Università (Viale Crucioli), 6 milioni dalla proprietà immobiliare dell’Adsu.

Leave a Comment