Presidio degli ex distribuzione pasti: «Rivogliamo i nostri posti di lavoro»

TERAMO – Primo dei tre presidi dinanzi agli ospedali teramani organizzato dai sindacati Cgil e Cisl che sostengono gli ex dipendenti della distribuzione nei 4 ospedale della Asl di Teramo: «La situazione di queste persone continua ad essere drammatica, per questo abbiamo deciso di tenere questi tre presidi – dice Fabio Benintendi della Cisl -, per ribadire che secondo noi ci sono tutte le condizioni per reinserire queste persone nei loro posti di lavoro e a conferma di questo ci sono anche le modalità con cui attualmente si sta svolgendo il servizio di distribuzione dei pasti: invitiamo chiunque ad andare nei reparti a vedere cosa sta succedendo e come si sta utilizzando il personale rimasto». In attesa dell’incontro con l’assessore Silvio Paolucci, previsto per il prossimo 27 aprile, i lavoratori hanno distribuito volantini all’ingresso del Mazzini di Teramo e altrettanto faranno ad Atri venerdì e martedì prossimo a Sant’Omero: loro dicono che è responsabilità della Asl questa situazione, l’azienda replica dicendo che non riguarda la sanità, bensì la ditta – in questo caso Etjca – che non ne ha più bisogno. Di diverso parere sono i sindacati: «Se la Asl può sostenere che non è un suo problema l’appalto che ha assegnato – dice Manuea Loretone della Filcams Cgil -, del servizio di ristorazione che la Asl paga, siamo preoccupati come cittadino oltre che per i lavoratori. Sappiamo che ci sono lavoratori che fanno straordinari nelle cucine, che ci sono lavoratori al di fuori dell’appalto che stanno cucinando qui, se non è della Asl il problema non sappiamo di chi possa essere: l’azienda sanitaria è responsabile di come viene svolto il servizio, è responsabile anche del fatto che questi lavoratori che avevano un contratto di lavoro a tempo indeterminato sono stati prima precari per due anni per disposizione della Asl e oggi sono senza lavoro sempre per disposizione della Asl». I dipendenti chiedono risposte e vogliono rientrare al loro posto di lavoro.

Leave a Comment