Tragedia sul lavoro a Bellante, imprenditore schiacciato dal camion che si sfrena FOTO VIDEO

BELLANTE – Tragedia sul lavoro a Bellante questa mattina poco prima delle 9. Un imprenditore edile di Ripattoni ma originario di Civitella del Tronto, Nunzio Sciarra, 64 anni, padre di 5 figli, è morto schiacciato dal suo camion che si è sfrenato lungo la discesa di via dei Falegnami, dove stava lavorando nel cantiere. Per l’uomo non c’è stato nulla da fare, sono stati fatali i gravissimi danni riportati alla testa. E’ morto sul colpo, nonostante i soccorsi portati dal proprietario dell’abitazione e da uno dei figli.

L’incidente si è verificato nella zona di Villa Ardente, lungo la statale 80, nei pressi del deposito di legnami: Sciarra stava lavorando assieme ai figli in un podere di un’abitazione privata e aveva da poco scaricato un escavatore e stava riponendo gli attrezzi quando ha notato che il camion si era messo in movimento in discsa. 

D’istinto si è messo a correre e ha raggiunto il mezzo pesante ma non si è accorto che questo stava deviando pericolosamente sempre più verso il muro della casa e quando ha provato ad aprire lo sportello della cabina di guida è stato schiacciato contro di esso.

L’intervento tempestivo dei sanitari del 118 è purtroppo servito a constatare il decesso dell’imprenditore ma anche a soccorrere tre dei figli dell’uomo e la moglie, i quali sono stati colti da malore all’arrivo sul teatro dell’incidente mortale e alla vista del congiunto morto.

Sul posto gli operatori del 118, della Polizia stradale, dei vigili urbani di Bellante e i vigili del fuoco per gli accertamenti e la rimozione della salma. Sull’incidente il sostituto procuratore Luca Sciarretta ha aperto un’inchiesta: nel pomeriggio, dopo la ricognizione cadaverica sulla salma, eseguita all’ospedale Mazzini di Teramo, il magistrato ha concesso alla famiglia il nulla-osta per la sepoltura.

Analoga indagine è stata avviata dalla Asl che ha inviato sul luogo dell’incidente sul lavoro gli ispettori della medicina del lavoro per le formalità di rito.

Leave a Comment