Largo Tancredi, il ricordo di uno statista mancato alla città troppo presto VIDEO FOTO

TERAMO – Sulla targa che da oggi in poi darà un nome alla rotonda del Lotto 0, all’ingresso in città, c’è scritto Antonio Tancredi, politico e mecenate, 1932-2012. La sintesi della toponomastica non rende giustizia al deputato cui oggi la città di Teramo ha reso onore e imperituro il ricordo, mettendolo assieme a tanti altri grandi ai quali si dedica qualcosa che appartanga alla città. Perchè “l’onorevole" per antonomasia, a questa città ha reso molto di più di quello che si ricordi. Gran parte di quello che ruota attorno a questa città tra due fiumi riconduce a una sua intuizione e al suo impegno per ottenerla. E l’università autonoma è soltanto una di queste e una delle poche che ancora resiste dalla desertificazione, per non parlare della Banca di Teramo, morta con la sua scomparsa, o il raccordo autostradale verso l’A24 e il Lotto 0. Oggi pomeriggio c’era una piccola folla di amici, vecchi compagni del partito della prima ora, tanti personaggi più o meno vicini alla politica, alle banche, alle amministrazioni cittadine, a questo o quel consigio di amministrazione o Ente, che ad Antonio Tancredi devono riconoscenza. Ma anche tanti che hanno espresso nel corso degli anni, un affetto ricambiato a un teramano che per Teramo ha fatto molto. Nelle parole del sindaco, rivolte alla famiglia del deputato scomparso 5 anni fa, si è sentita pronuncire la parola ringraziamento, pronunciata da chi, come primo cittadino, è stato, al pari del Governatore emerito Gianni Chiodi, una ‘scoperta’ del Tancredi politico e innovatore al tempo stesso, preoccupato di individuare la classe politica del domani. Accanto ai figli Paolo e Marco e alla signora Elisa e ai nipoti teraman sinceri che volevano bene all’onorevole, cui da oggi, grazie anche alle richieste di associazioni come Teramo Vivi Città, il Comitato organizzatore Mostre ceramiche e artistiche contemporanee, la Fondazione Venanzo-Crocetti e La manovella, è stato possibile intitolare Largo Antonio Tancredi 

Leave a Comment