«Alla sfilata della Coppa trovato magrebino con pistola finta». Ma era un ragazzino…

TERAMO – La psicosi da flop di questa edizione della Coppa Interamnia che si trascina pigramente sul canovaccio del ‘già visto’ senza nessuno scatto di inventiva organizzativa e migliorativa, centra un’altra clamorosa gaffe. Nel corso della registrazione della trasmissione "L’Approdo" di Super J, che andrà in onda questa sera alle 21 e che tratterà proprio della Coppa Interamnia, l’assessore allo sport Roberto Canzio ha reso noto che nella serata della parata inaugurale – che secondo gli organizzatori è stata un successo di pubblico mentre è noto ai più, visivamente, che in piazza non c’era il pubblico di questo evento e non per colpa dei controlli – proprio i controlli di sicurezza hanno permesso di scoprire la presenza di un magrebino che nascondeva una pistola nella cintola, anche se giocattolo.
Una notizia che ha fatto sobbalzare e che ha trovato il patron Montauti, anche lui ospite della puntata, sbito concorde nella conferma. Non si trattava di un atleta, è stato rbadito, ma di un normale spettatore. Perchè aveva quella pistola giocattolo? Perchè propriio in una situazioe del genere, accompagnata alla vigilia da polemiche sulla oportunità di stringere la cinghia su una manifestazione cosmopolita e tollerante come la Coppa? Una verifica approfondita presso le fonti ufficiali ha svelato che la notizia era diversa e clamorosamente sbagliata: il magrebino che portava con sè la pistola giocattolo era un ragazzino di 12 anni che con i suoi genitori, famiglia da anni residente in città e nota, si recava in piazza per assistere alla parata inaugurale. Non c’è che dire.  

Leave a Comment